4th of July

Postato il

Molto bene. Sono arrivato a casa e il Mamma Santissima del Compound dove abito a Houston, Texas, la città che neanche 10 apocalissi nucleari potrebbero smuovere dalla sua tranquillità, mi ha invitato a vedere i fuochi d’artificio, lanciati dal Country Club di Tanglewood.

Un Country Club dove, per ragioni che ancora oggi non riesco a capire, non puoi essere membro se sei di religione ebraica.

La postazione per vedere i fuochi e’ di pregio, vicino alla cassetta delle lettere, davanti all’uscio di casa mia.

Nel giro di 10 minuti arrivano babbioni e babbione varie. Trionfo di acuti, voci stridule, saluti e amicizie di vecchia data, riesumate per 5 minuti. Per mostrare il mio entusiasmo, sfoggio una bottiglia di Barbera.

Faccio notare che la nostra vista e’ completamente bloccata dagli alberi davanti.

Ma ormai le aspettative sono rivolte al vino italiano, che porgo gentilmente a tutti.

La mia vicina di casa rifattissima, mi racconta dei meravigliosi fuochi di Macy’s a New York e di come fosse stato il più bel 4 luglio della sua vita. Un’altra, mi mostra la foto della casa di George Clooney sul Lago di Como, immortalata sul suo cellulare. Il Mamma Santissima prova a far partire una marcetta che accompagni la vista dei fuochi, dal suo telefonino. La moglie lo stoppa seccata, mentre lui è  già trasportato dalla solennità del momento. Lei le dice “Vogliamo parlare”. Lui spegne il suo telefonino e si accontenta delle luci.

“Alla fine ne spareranno uno o due più in alto”, dice qualcuno, mentre i primi fuochi si aprono nelle loro mille luci. Ma dietro agli alberi,come fossero aloni.  Con la Speranza di vedere prima o poi la solita cascata di luci e fare”ooh”, immaginiamo la loro conformazione, fra i rami degli alberi e speriamo.

C’e’ entusiasmo, non c’e’ che dire. Per una cosa che durerà 10 minuti scarsi. Persone che abitano a 10 passi di distanza, che non si vedono da 6 mesi, discorrono come vecchi amici di lunga data. Figli all’università, tempo che passa, il servizio spazzatura che non verrà questo weekend.

Verso la fine arriva un tizio in bermuda, sandali e calze bianche.

E’ il classico tipo che la sa lunga, tipo quelli che passeggiano in spiaggia sul bagnasciuga, con le mani dietro la schiena e sanno tutto, ma proprio tutto, sia della terraferma che di quello che succede in mare.

Sparano gli ultimi due fuochi. Nessuno più in alto dell’orizzonte negato dagli alberi, nonostante le certezze che qualcuno, alla fine, avesse pensato anche a noi. In sostanza, non abbiamo visto nulla, Tranne qualche bagliore fra le ombre degli alberi.

L’uomo, mani dietro la schiena, dice calmo, nel silenzio “things used to be better, is always like this”.

(Mauro Fenoglio / “Il Direttore Risponde” 2019)

4th-of-july

 

 

 

 

 

 

 

 

 



mark hollis

Postato il

Sotto un breve articolo scritto per il Post circa un anno fa.

https://www.ilpost.it/maurizioblatto/2018/03/26/musica-di-gente-che-se-ne-andata-troppo-presto/

 

Non mi sento di aggiungere molto altro, se non che la sua grandezza musicale rimarrà per sempre.

 

mark-hollis

 

 

 

 

 

 

 

 

Mark Hollis

Rifiutare un successo già acquisito e poi scomparire, è la bestemmia assoluta dell’oggi. Fama, denaro e visibilità barattati per l’anonimato. Dire fine, smettere. Il progetto artistico e umano di Mark Hollis è un monumento al concetto di dignità e all’idea che la musica che si crea spieghi ogni cosa, se solo si fosse in grado di ascoltarla realmente.

Le avvisaglie e le meraviglie c’erano tutte. La sua band, i Talk Talk, nel 1984 aveva il mondo del pop in mano e It’s My Life si apprestava a diventare quel singolo che poi i No Doubt avrebbero fatto ri-esplodere due decadi dopo. Ma in sette anni, lentamente, Mark Hollis prese suoni e sicurezze per lasciarli svanire sotto i nostri occhi. Tre dischi maestosi (The Colour Of SpringSpirit Of Eden e Laughing Stock) in cui tutto diventava rarefatto intorno a ritmiche improvvise ed elettricità rimodellata a pulviscolo. Pensate alla casa discografica, immaginate chi li aveva ballati nelle aspettative dei dancefloor del sabato. Lo stupore. Tutto mirava al silenzio. E quello arrivò.

Nel 1992 i Talk Talk si sciolsero e Mark Hollis annunciò di volersi dedicare alla famiglia. Nel 1998 pubblicò un album solista e ci spiegò che sostanzialmente aveva inventato musiche che non esistevano. Dove le note risplendevano quanto (o meno) degli spazi bianchi, del niente. Avvertì “Non ci sarà nessun concerto, nemmeno a casa nel salotto, questo materiale non è adatto per esser suonato dal vivo”. In copertina una foto di un pane pasquale sardo in bianco e nero. Poi disse che si sarebbe ritirato, che desiderava essere un buon padre, che aveva intenzione di dedicarsi all’ascolto. Probabilmente non ne poteva più o forse, musicalmente, sapeva di non potersi spingere oltre. Salutò e riapparve unicamente in due casi, collaborando nel 2001 a due brani di Anja Garbarek, la figlia del jazzista norvegese Jan, e componendo cinquantacinque secondi di musica strumentale per la serie televisiva Boss del 2012. Nient’altro.

La sua influenza è enorme, pari al peso dell’astenersi da tutto ciò che non sia quotidianità e dimensione privata. Non credo tornerà mai. O forse, semplicemente, a dispetto di quanto potrebbe regalarci, me lo auguro. Perché credo sia felice.

Maurizio Blatto


Lee Ranaldo

Postato il

martedì 12 febbraio alle ore 21.30 inaugura la stagione musicale del Circolo della musica – ex Maison Musique (via Rosta 23, Rivoli). Ospite d’eccezione una leggenda della musica internazionale e fondatore dei Sonic Youth, Lee Ranaldo

Prima del concerto (21,30), incontriamo l’artista per riscoprire memorie e aneddoti della sua carriera, in dialogo con il giornalista musicale e scrittore Maurizio Blatto.

ingresso € 10
inizio ore 21.30 | apertura porte ore 20.30
biglietti in vendita al Circolo dei lettori (via Bogino 9, Torino)
navetta gratuita su prenotazione 011 4326827 | info@circololettori.it

ranaldo


Votazioni Finali Clienti Backdoor 2018

Postato il

VOTAZIONI CLIENTI BACKDOOR 2018

Miglior disco del 2018:

 blumberg

 

 

 

 

 

 

 

 

1-Daniel Blumberg – “Minus”

 a seguire

 2- Low “Double Negative”

3- Tirzah “Devotion”

4- Bodega “Endless Scroll”

5- 1975 “A Brief Inquiry Into Online Relationship”

6- Beak “>>>”

7- Yves Tumor “Safe In The Hands Of Love”

8- Josh Rouse “Love In The Modern Age”

9- Laish “Time Elastic”

10-Beach House “7”

11-Rolling Blackouts Coastal Fever “Hope Downs”

12-Neneh Cherry “Broken Politics”

13-Sons Of Kemet “Your Queen Is A Reptile”

14-Ryley Walker “Deafman Glance”

15-Goon Sax “We’re Not Talking”

16-Parquet Courts “Wide Awake!”

17-Damien Jurado “Horizon Just Laughed”

18-The Saxophones “Songs Of The Saxophones”

19-Stephen Malkmus & The Jix “Sparkle Hard”

20-Kacey Musgrave “Golden Hour”

 

Miglior concerto dell’anno

fitness-forever-live

 

 

 

 

1-Fitness Forever (Astoria, Torino)

2-New Order (OGR, Torino)

 

Miglior canzone dell’anno

yves-tumor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-Yves Tumor – “Lifetime”

2-varie canzoni di Daniel Blumberg

 

Miglior disco italiano dell’anno

lungo-addio

 

 

 

 

 

 

 

1-Il lungo addio – “Tutti nuotammo a stento”

2-Riccardo Sinigallia “Ciao Cuore”

3-Nu Guinea “Nuova Napoli”

4-Spaccamonti/Arbeit “CLN”

Miglior ristampa dell’anno

casilina-tapes

 

 

 

 

 

 

 

1-Heroin In Tahiti – “Casilina Tapes”

2-The Beatles “White Album”

 

Disko minkia

a parimerito:

 

aphex

cosmo

love-cd

 

 

 

 

 

Aphex Twin – “Collapse EP”

Cosmo – “Cosmotronic”

Thegiornalisti – “Love”

 

Trova tu il titolo per il prossimo disco di Jovanotti:

jovanotti

 

 

 

 

 

-spero non ci sia un prossimo disco di Jovanotti

-“La musica di cittadinanza”

-si tratterà di un live “Jova At The Beach, sott’u’sol’la pelle brucc’“

-“Minkia e basta!”

-“Tutto l’amore che c’è per te, amore”

-(se lo intitola) “Suka” (giuro che lo compro)

-“Jovanotti 2492. Ancora Qui”

-“E con questo chiudo” (sperando sia profetico)

-“Oh! L’ultimo”

-“Sono un ragazzo originale”

-“Addio”

 

Il nuovo governo ti manda al confino per sei mesi. Scegli tu dove:

 

1-Bequia, Isole Saint Vincent/Grenadine, 1991: con Papa Winnie (il clima fa la differenza)

 papa-winniesaint-vincent-e-grenadine

 

 

 

 

2-Zapponeta, Foggia, 1973: con Nicola Di Bari

(comunque un buon risultato, c’è anche chi ne approfitterebbe per andare a trovare sua zia Donata e chi sceglie il 1973 perché annata di grandi squadre di calcio: il Borussia di Monchengladbach, Derby County di B.Clough, Leeds di Don Revie, Liverpool di B.Shankly e Juve del Barone e di Pietruzzo Anastasi)

zapponeta

nicola

 

 

 

 

 

3-Soletta, Svizzera, 1982: con i Krokus (scelto da chi vorrebbe tornare alle proprie origini metallare)

 krokus3soletta

 

 

 

 

4-Seul, Corea del Sud, 2012: con Psy (un solo voto…)

 psy_gentlemenseul

 

 

 

 

 

Sei stato punito e incredibilmente finisci in un videoclip. Scegli tra:

 1-Window Licker. La tua faccia al posto di quella di Aphex Twin in bikini (ma con cautele tipo “vorrei conservare il pezzo di sotto del bikini)

window-video

 

 

 

 

 

 

 

2-sei il prete di Dancing With Tears In My Eyes degli Ultravox! Ma poi muori, come tutti, per l’apocalisse nucleare (un buon risultato anche qui. Un’icona immortale, il prete del video)

ultravox-video

 

 

 

 

 

3-balli nudo/a con Beyoncè. Ma insieme a te, nudi, ci sono anche i suoi bodyguard (ci sono delle preoccupazioni maschili, ma giustamente una ragazza dice “Ovviamente con Beyoncè, piatto ricco mi ci ficco!”)

beyonce

 

4-interpreti Freddy Mercury in I Want To Break Free che fa la casalinga con i baffi (zero voti. Nessuno se la sente)

free

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Playlist Rumore (sabotata graficamente)

Postato il

Uno ci pensa tutto l’anno, toglie, sposta, alla fine giunge a una faticosa conclusione (cinque minuti dopo l’avrebbe già cambiata, certo) e poi arriva la sciatteria grafica del copia-incolla di chi se ne occupa e alè, ti ritrovi al quarto posto un disco che avevi messo nel 2017 (Fitness Forever “Tonight”, fighissimo peraltro) e scompare Josh Rouse.

Il modo ideale per garantirsi un travaso di bile sfogliando la tua copia.

Mi scuso con i miei lettori, è evidente che il grafico mi odia.

Ecco la mia playlist corretta

 

DANIEL BLUMBERG – MINUS – MUTE 

LAISH – TIME ELASTIC – TALITRES

JOSH ROUSE – LOVE IN THE MODERN AGE – YEP ROC

MARK KOZELEK – MARK KOZELEK – CALDO VERDE

MOUNT EERIE – NOW ONLY / (AFTER) – P.W. ELVERUM & SUN, Ltd.

LOW – DOUBLE NEGATIVE – SUB POP

THE SAXOPHONES – SONGS OF THE SAXOPHONES – FULL TIME HOBBY

ASTRONAUTS, ETC. – LIVING IN SYMBOL – COMPANY RECORDS

BODEGA – ENDLESS SCROLL – WHAT’S YOUR RUPTURE?

TRACYANNE & DANNY – TRACYANNE & DANNY – MERGE

 

josh-rouse

(ecco Josh Rouse nel momento in cui si accorge dell’errore grafico che lo ha cancellato dal terzo posto della mia playlist)

 


party!

Postato il

Grande successo per il Natale di cittadinanza di Backdoor.

Tradizionale panettone di farro, brindisi indie rock, torta salata d’eccellenza, estrazione dei regali via collegamento transoceanico con Il Direttore a Houston e debutto de “La Serie dei Grandi Cattivi della Storia” autografati direttamente dal Signor Franco.

Grazie a tutti per aver partecipato

Long May We Run

20181224_130837

20181224_123611

20181224_123533

20181224_123711

 

20181224_131719

 

20181224_132009

20181224_131835

20181224_131914

20181224_132127

20181224_132328

 

20181224_132602

 

20181224_132828

20181224_133510

20181224_133944

20181224_134141

20181224_134227

 

20181224_134306

20181224_134530

20181224_134712

20181224_134743

20181224_134808

20181224_134820

20181224_134945

20181224_135003

20181224_135203

20181224_135214

20181224_135329

20181224_135524

 

20181224_135733

20181224_135758

20181224_131426

20181224_131605

20181224_124453