Befana e Natale

Postato il

Oggi, in omaggio alla Befana e alla vecchia regola che non si può lavorare sempre (soprattutto nelle feste), siamo chiusi.

Ma vogliate gradire le foto del party (fantastico, grazie Direttore) di Natale.

20171224_124858

 

20171224_123142

 

20171224_130244

 

20171224_124935

 

20171224_123139

 

20171224_125713

 

20171224_124948

 

20171224_130117

 

img_6257

 

 

20171224_131136

 


buon anno, amici

Postato il

Ecco una bonus track.

Lo so, stasera danzerete e avrete a che fare con dj più o meno improvvisati.

Mi auguro che vi passino Shine A Little Love dell’Electric Light Orchestra, sono certo che darete il massimo.

https://www.youtube.com/watch?v=GJuTIxwQw0k

Sotto potete leggere un mio vecchio MyTunes su di loro, spero gradirete.

MyTunes è la mia rubrica storica su Rumore

http://rumoremag.com/

A proposito, secondo me è stata una grande annata per la rivista.

Lo dico sul serio, qualitativamente senza pari.

Compratela, abbonatevi, dai.

Comunque Buon Anno a tutti.

Fatevi onore

E grazie

Maurizio

elo

 

 

 

 

My Tunes

di Maurizio Blatto

 

Shine A Little Love

Electric Light Orchestra

 

“Sei stato selvaggio, un tempo. Non lasciarti addomesticare”.

(Isadora Duncan)

 

“Al limite, portati gli E.L.O.”, questo il saggio consiglio del mio subappaltatore: Tony, in arte D.J. Hooker, abile gioco di parole (apprezzato da tutti) su T.J. Hooker, il poliziotto del telefilm anni ‘80. Tony era un riempipista totale ed era stato ingaggiato per un compleanno in un locale affittato per l’occasione, appena oltre il centro cittadino. “Ho il matrimonio di mia cugina, vai tu al posto mio, è una serata facile, gente senza pretese. Al limite, portati gli E.L.O.” All’epoca io mi esibivo come D.J. Salinger, abile gioco di parole (compreso da nessuno) sullo scrittore J.D. Salinger ed ero uno svuotapiste totale, il classico appassionato che confonde le proposte radiofoniche notturne con le giuste pretese ginniche dei danzatori. Ma i soldi mi facevano comodo e accettai, mettendo in borsa Discovery dell’Electric Light Orchestra. Quel disco è un killer, va detto. Ha almeno tre singoli bomba e la sua zuppa Beatles + disco + archi + assoli da session man + prog britannico è talmente improbabile da affascinare in partenza. E poi Jeff Lynne, con il look immutabilmente peloso e gli occhiali da Fiat 128 Rally non può non ispirarti simpatia. La festeggiata, una donna la cui solida avvenenza sembrava non interessare nessuno, si aggirava nervosa per la sala, tristemente agghindata come una festa delle medie per quarantenni, e mi indicò la mia postazione giubilandomi con un minaccioso “Mi raccomando”. I segni della tragedia erano tutti luminosamente evidenti, cabaret di panini dolci (salame e un velo di burro, persino la capricciosa già vermiglia), alcuni festoni refrattari allo scotch, seggiole da sede periferica di partito allineate e invitati privi di qualsiasi amalgama. Iniziai a sudare. Feci girare i primi vinili, musica di sottofondo, azzardai un Aztec Camera, che venne accolto senza nemmeno un cenno di comprensione, e proseguii incurante, con la cuffia appoggiata su un solo orecchio, indizio inequivocabile, insieme alla birra affiancata al mixer, che ero uno che la sapeva lunga. Nessuno ballava, chiacchieravano con la tensione tipica delle occasioni in cui sottilmente si inizia a domandarsi “Ma alla fine, qui succede qualcosa?”. Si avvicinò uno che riconobbi all’istante come un dirigente di Rinascimento Proletario e mi guardò con disgusto. Esplodeva Curtis Mayfield e lui mi chiese “Stasera la musica è tutta così?”. Quanti dj (veri) si sono sentiti rivolgere questa domanda? Plotoni, immagino. Così come? Che cazzo vuoi, Claudio Lolli? Gradisci accomodarti tu qua dietro ad allietare questa manica di disgraziati? “Tranquillo, ora ci scaldiamo”. Perfetto, parlavo già come il portinaio di Cecchetto. Iniziai a guardare il disco degli E.L.O. e a interrogarmi su quale pezzo scegliere. Misi però London Calling dei Clash e all’improvviso, come scosso da un esperimento di Tesla, uno si catapultò al centro della pavimentazione e iniziò a ballare in modo scomposto. Mimava i riff di chitarra e serpentaggiava più veloce della musica, un presobene, si direbbe ora. Bravo Snodarello, tu sì che mi dai soddisfazione. Anche il dirigente di Rinascimento Proletario sembrò gradire e capii di avere la situazione in pugno. Ma la smarrii all’istante con l’azzardo di un Talking Heads (Once In A Lifetime, direi) filologicamente inoppugnabile, apprezzata però unicamente da Snodarello, al cui confronto David Byrne appariva un tramezzo di onice. La pista era Piazza Tienanmen, io il carrarmato, Snodarello l’eroe, intorno il nulla. Avrei voluto telefonare a Tony, strapparlo dai parenti e dal taglio della cravatta, e portarlo qui all’istante. T.J. Hooker avrebbe saputo come sbloccare il dramma, io distinsi il profilo di Alles Ist Gut dei D.A.F. nella mia borsa e capii di essere un disadattato sociale. Un invitato la cui nullità seduttiva l’aveva fatto sembrare un ingegnere a dodici anni per poi coglierlo ragioniere nella bara, attraversò diametralmente lo zero abitativo della sala da (non) ballo, con la stessa tenacia di un figurante di Walking Dead in attesa di essere ingaggiato trent’anni dopo. Il segnale andava interpretato, quindi misi mano agli E.L.O.. Mixai con la grazia di un carpentiere e sparai dritto Shine A Little Love, giusto perché era la prima e non potevo permettermi di perdere tempo. Era la mia occasione residua e fece clamorosamente centro. Probabilmente tutti sapevamo di essere al capolinea, quella canzone era l’ultima stazione di rifornimento e facemmo tutti il pieno, per darci fuoco. Gli E.L.O. misero insieme synth, bassone funky, violoncello, falsetto, chitarre californiane, battimani e uuuhhh assortiti. Tutto dentro, ma sì. Gli invitati ballarono senza nessuna esclusione, persino una che si lamentava della sua carriera di bidella e aveva confrontato i turni di ferie con un presunto collega dai mocassini di pelle di ratto, si lanciò senza esitazioni. Snodarello era un dio pagano e le sue movenze attirarono nella mattanza del divino sculettare anche la festeggiata, finalmente al centro di quel microcosmo senza speranze. Tirò su la gonna centimetrandola sopra il ginocchio: avevo vinto. Jeff Lynne diceva hai fatto brillare un po’ d’amore nella mia vita. Sante parole. Dovetti rimetterla da capo almeno sette volte. Nel “bianco” della puntina che tornava all’inizio tutti urlavano uuuhhh e battevano le mani. Il dirigente di Rinascimento Proletario era sudato come un beluga appena emerso dalle acque e distinsi addirittura un biondo esangue in pantaloni di velluto che beveva a canna dalla bottiglia del Ginger battendo il tempo con il piede. Sono soddisfazioni. Tutti diedero il massimo, come gli E.L.O., sfasciarono la gabbia di remore e azzannarono la vita, buttando tutto dentro, umori, odori e ardori. All in. Me ne andai battendo il record di dj che ha messo più volte nella serata lo stesso brano, mi pagarono e ricevetti anche una fetta di torta incartata accuratamente, come si fa nelle famiglie per bene. Mi concessi il lusso di un uuuhhh poco dopo aver salutato. Tutti risposero all’unisono sorridendo. Fu il punto più alto della carriera di D.J. Salinger, certificato dall’ultimo sguardo che buttai a Snodarello e alla festeggiata, attaccati e vibranti al soffitto, come due pipistrelli uniti in sacro rito dal Super Attak Power Flex. La vita è una cosa semplice, non abbiate paura. Al limite portatevi gli E.L.O.

 

Discovery è il disco numero otto della Electric Light Orchestra. Uscito nel 1979, ha venduto cifre spropositate grazie anche a sberle come Last Train To London, Don’t Bring Me Down e, ovviamente, Shine A Little Love. Gli E.L.O. sono il guilty pleasure che (forse) non sapevate di avere.

 

 

 

 

 


24-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

24-Vince Guaraldi Trio “Christmastime Is Here” (1965)

https://www.youtube.com/watch?v=SvK3jEXJFdg

charklie-brown-xmas

 

E così eccoci. Siamo arrivati alla fine.

Nessuna canzone esprime il senso di quiete e leggera malinconia del Natale più di Christmastime Is Here, scritta per lo speciale tv “A Charlie Brown Christmas” del 1965.

Ho sempre amato i Peanuts e la prima volta che ho visto lo special sulla Rai sono rimasto immobile e commosso.

Mi sono sentito un Charlie Brown (chi non lo è un po’?) in poltrona.

Cosa che, temo, sarò per sempre, in un mondo dove gli adulti non compaiono mai forse perché i bambini sanno già tutto.

Meglio e più di loro.

Quindi ci salutiamo così? Vagamente tristi?

Bè, no.

Beccatevi questa.

Passa una ieri, disperata.

“Mi serve un disco per mio marito, aspetti che me l’ha detto per telefono il titolo e l’ho scritto”.

Lavora duramente nelle tasche e mi porge un biglietto di carta con scritto:

TONY degli U

tommy-who

 

 

 

 

 

 

 

 

Perfetto. Ce l’abbiamo, le porgo il disco, che è nuovo e sigillato.

“Ah, meno male. Quanto costa?”.

Comunico il prezzo.

“Emmammia!”

La conforto. “Signora, sono due vinili, è un doppio”

“Ah sì? E allora faccia così, me ne dia uno solo, così lo pago la metà”.

Buon Natale amici, e grazie di tutto

Maurizio Blatto

charlie_brown_christmas

 


23-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

23-The Ramones-”Merry Christmas (I Don’t Wanna Fight Tonight)” (1989)

https://www.youtube.com/watch?v=4Y5GtaTrPHM&list=RDQM9q4yyAAW1yE

ramones

 

 

un grande classico natalpunk.

Utile per buttarsi a pogo nelle festività.

Perchè ci siamo: -1.

Natale è sempre foriero di meraviglie.

Frenesie, voglie improvvise, disturbi compulsivi, delirio all over.

Così, come d’abitudine, ecco qualche perla tra le richieste pervenute quest’anno

1-Avete CD di Pavingo o Dominotti?

Se non c’è Carrera, va bene uguale

tenoricarrera

 

 

 

 

 

2-Avete dvd di Rosanna Fratello?

-intende cd?-

No, proprio dvd.

Per mio cognato, quello è mezzo sordo, almeno si vede qualcosa

rosanna_fratello-figlio_dellamore_s

 

 

 

 

 

3-Ce l’avete quei cosi di carta che si mettono dentro i pasticcini?

Da mangiare. I pasticcini, ha capito?

-Signora, ho capito, ma questo è un negozio di dischi-

ah, mi credevo che era una cartoleria

porta-past

 

 

 

 

 

4-Ce l’ha quel dvd di Romina e Albano, che si può vedere qualcosa

(fa il gesto con la mano in circolo e tira fuori un pezzo di lingua)

(la “visione” su dvd è la grande ossessione del fine 2017, qui)

al-bano-e-romina

 

 

 

 

 

5-Ha dei cd di Frate Alessandro o al limite sempre “genere francescani”?

frate

 

 

 

 

 

6-Una famiglia di fenomeni:

commenta e ride, da solo

a-Jethro Tull: per carità, che mia figlia di sei anni col flauto di plastica suona meglio

b-Janis Joplin: ha la voce più bella mia suocera, ed era anche una racchia

c-Police: lasciamo stare, mai capito tutta ‘sta bellezza di Sting, avrebbero dovuto vedere il mio allenatore di pallavolo, allora (sfugge la comparazione, a esser sinceri)

d-Jimmy Page: gran casinaro, io certe scale so farle più pulite

e così li abbiamo sistemati tutti

j-tull

 

 

 

 

 

6-Qualcosa di interessante che ha fatto George Michael dopo che è morto?

g-michael

 

 

 

 

 

Et voilà. Comunque ne attendiamo ancora qualcuna sul finale

Vi aspettiamo domani mattina, verso le 12, per il party natalizio


22-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

22-Bing Crosby & David Bowie “Little Drummer Boy” (1977)

https://www.youtube.com/watch?v=ADbJLo4x-tk

bing-crosby-david-bowie

 

 

Bing Crosby era un classico di mio padre. Lo rilassava.

David Bowie era giù un classico “mio”. Mi agitava.

Così la prima volta che li vidi, nel 1977, affiancati in questo special televisivo natalizio, fu una specie di shock.

Ma come? Il mio e il suo? Davanti a un piano con l’albero e l’orchestra sullo sfondo?

Esatto, proprio così.

Momento cruciale 1:55 con le movenze facciali very Sinatra del Duca Bianco


21-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

21-Another Sunny Day “I’m In Love With A Girl Who Doesn’t Know I Exist” (1988)

https://www.youtube.com/watch?v=CtTvp0Qh24s

another-sunny-day

Qualche giorno fa è apparso su La Stampa questo articolo

http://www.lastampa.it/2017/12/17/cronaca/toponomastica-per-principianti-lincontro-nella-piazza-che-non-c-nOrngSKRo3VaiBaZfpcaRP/pagina.html

firmato da Petunia Ollister, che ringraziamo

https://www.instagram.com/petuniaollister/?hl=it

L’idea delle cose alle quali siamo legati e non esistono mi ha fatto immediatamente pensare agli Another Sunny Day e alla loro canzone con il titolo perfetto per un 7″ della Sarah Records.

Sono innamorato di una ragazza che non sa nemmeno che io esista.

Adorabile pop inglese uggioso e autoindulgente.

Un po’ di benedetta lagna in attesa della stretta finale natalizia.

 

 

 

 

 


20-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

20-Husker Du-”Could You Be The One” (1987)

https://www.youtube.com/watch?v=xMe15tWC6gc

husker

 

Che dire?

A “spiegare” gli Husker Du si rischia di diventare retorici.

Di dire cose tipo “non sapete cosa vi siete persi voi che non c’eravate” o “non hai idea di quante volte ho fatto air guitar ascoltandoli in cuffia”.

Ogni età ha i suoi Husker, probabilmente.

Io ho avuto il privilegio di avere quelli veri.

Momento cruciale 2:34, so long Grant


19-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

19-Nick Lowe-Cruel To Be Kind (1979)

https://www.youtube.com/watch?v=b0l3QWUXVho

 

nicklowe_288

 

Perché poi succede che ci siano giornate complicate.

Decisioni da prendere.

Tutto di corsa.

Niente che funziona.

Qualcuno che ti dice “Scusa, ma sei nervoso?”.

E allora senti il desiderio di un segnale, un dai che non è niente di grave,  qualcosa che ti rimetta a posto.

Bene, tu hai bisogno di Nick Lowe.

Momento cruciale 1:44, quando fanno il coro alla Beach Boys portando le mani alla bocca stile megafono


18-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

18-Stephen Malkmus & The Jicks “Lariat” (2013)

https://www.youtube.com/watch?v=zYC5JASqWnI

 

malkmus

 

Perché capita che ti svegli e hai questo desiderio di Malkmus che ti dà il benvenuto.

Indie rock quando aveva ancora un senso reale definirlo così, il pop sottile, un certo stile europeo che traspare da uno che poteva insegnare letteratura in un college americano.

Nella canzone si citano Tennyson e i Grateful Dead, ma anche Sun City Girls, Mudhoney e Bongwater.

E si dice “le persone stanno benissimo quando si radono, non è vero?”.

I Pavement, ragazzi. Ma anche Malkmus solista, ragazzi

Momento cruciale 00:10, quando realizzo che la protagonista potrebbe essere parente di quella del video di Michael Head postato lunedì 11


17-il calendario dell’avvento di Backdoor

Postato il

17-Paul McCartney & Wings “Mull Of Kintyre” (1977)

https://www.youtube.com/watch?v=EH7I-WV0LZA

 

 

mull_of_kintyre

 

 

Quando avevo 11 anni tutto ciò che desideravo era possedere ogni disco di Paul McCartney.

A Natale hanno deciso di darmi un aiuto regalandomi il 45 giri di Mull Of Kintyre.

Che è una canzone dei Wings, ma per me di Macca e dei Wings.

Ho ascoltato quel 45 giri un milione di volte, sfilando in camera mia come un suonatore di cornamusa e  favoleggiando di isole al Nord, con mare e brughiera.

Quindi, appena partono gli accordi di Mull, per me è Natale

Perché poi uno finisce per darlo per scontato McCartney. Non sia mai, giusto?

Momento cruciale 5:05 quando arrivano gli abitanti della penisola scozzese.

I due signori presumibilmente in Barbour e i bambini con le famiglie

In McCartney We Trust